sabato 28 agosto 2010

Romanzo in 1200 battute (spazi inclusi)


La bonaccia viene rimpiazzata lentamente da folate di vento improvvise. Le porte sbattono, le tende si gonfiano come vele in mezzo al mare. Poi di nuovo bonaccia e lingue di fuoco nell'aria.
E io scrivo questo post chiedendomi cosa davvero si può scrivere con 1200 battute. Mi verrebbe da rispondere utilizzando due parole: sette lettere. Ma troppo volgare. Tant'è che i limiti imposti dalle onniscienti divinità della Scrittura Creativa questa volta sono queste. Ho scritto quel che dovevo scrivere; chissà se catturerà la curiosità delle divinità, o sarà cestinato senza nemmeno essere letto.


Con 1200 battute al massimo si può scrivere la sceneggiatura de Il mio vicino Totoro e farci uscire fuori un film d'animazione sì senza una trama, ma comunque un film.

...

Nessun commento: