lunedì 21 marzo 2011

In cui ti prendo a calci nel culo


Un ragazzo normalissimo che si improvvisa supereroe e picchia criminali con delle mazze, aiutato da una ragazzina esperta di armi bianche e armi da fuoco. Quanto può essere eccitante? Vi posso assicurare che così l'idea non rende. Guardare il film per credere.
"Perché nessuno non ha mai provato a essere un supereroe?". E' questo pensiero che smuove Dave, il protagonista, un ragazzo invisibile alle ragazze, amante dei fumetti ma non troppo secchione. Già, perché? Perché la polizia e gli organi giudiziari funzionano correttamente non è la risposta giusta.
Forse perché è pericoloso. E' "da fumetti". O, più giustamente, è da pazzi esaltati. Ma provo empatia per Dave, come chiunque come lui avesse il desiderio di portare un po' di ordine nelle cose, magari iniziando dalla propria città.
Chi non vorrebbe fare qualcosa per combattere la criminalità? Non parlo delle fiaccolate organizzate dalla parocchia di quartiere. Quelle sono scemenze. Intendo qualcosa di concreto. Come Dave. Come altri personaggi di fantasia prima di lui.

Kick-Ass è un gran film sui supereroi moderni, quella fetta di supereroi privi di poteri che combatte a mani nude il crimine. Che sanguina.
Ieri sera, quando ho visto il film, ero abbastanza esaltato. L'effetto delle scene d'azione faceva un po' Tarantino. L'esaltazione è rimasta. Ecco perché mi trovo a scrivere questo post pensando che non vedo l'ora di mettere la mani sul fumetto.
Nel film di Matthew Vaughn, crudo e a tratti volgare, ho trovato parecchi concetti che mi ritrovo ad affrontare quotidianamente con i miei personaggi immaginari. Scrivo. Ma non è stato solo questo a prendermi. Kick-Ass è ben strutturato, e nulla è stato lasciato al caso. Per la cultura pop è tipo una pietra miliare della cinematografia.

Ho letto che in Italia sarà presentato senza censure, ma ci credo poco, almeno fino a quando non lo sentirò con le mie orecchie. Già il trailer non promette nulla di buono, e a poco vala le giustificazione "perché altrimenti tanti esercenti non lo avrebbero montato in sala".

La colonna sonora è figa, e ritrovo ancora una volta i fantastici The Prodigy.

Il film è uscito l'anno scorso in USA. In Italia uscirà l'1 aprile.

Il fumetto è di Mark Miller.

Nessun commento: