martedì 26 giugno 2012

L'agente... mascherato

Esiste un eroe, un agente mascherato che fa il suo dovere e lo fa alla grande. Averlo a mia completa disposizione (anche di domenica) mi rende orgoglioso - forse anche un po' insicuro, perché ricevere troppi aiuti non sempre è un bene. Ma non posso farne a meno.

Forse non dovrei nemmeno parlarne qui, perché probabilmente a lui darebbe fastidio. E' un tipo schivo, che lavora e trama nell'ombra come la maggior parte dei supereroi... Non per niente è mascherato.

La sua identità è e rimarrà segreta.

E' la mia spalla, la mia lama celata. E' il mio agente letterario!

Senza di lui sarei perso, perché gran parte delle cose che scrivo diventano credibili solo grazie al suo contributo. Prezioso, come sempre. E mi auguro che così sarà per tanto, tanto tempo...

Queste parole sono una sorta di ringraziamento. Il mio agente letterario mascherato è pronto a tutto. La sua silhouette si staglia all'orizzonte, osserva, valuta. E colpisce!

Nessun commento: